NabilaFluxus® Copyright 2015

Fiera dell’Arte Contemporanea – GOD ART dal 23 al 25 Novembre 2012 a Godega di S.Urbano TV

Artisti associati e non…

L’Associazione NabilaFluxus è lieta di informarVi che sara’ presente alla Fiera dell’Arte Contemporanea GOD ART. Si svolgera’ a Godega di S.Urbano in provincia di Treviso nei giorni 23/24/25 Novembre 2012!

Nella Seconda edizione di God-Art a Godega S. Urbano (Tv) per 3 giorni consecutivi venerdì-sabato e domenica l’Associazione NabilaFluxus, esporra’ le opere dei suoi Artisti partecipanti. Forte dell’esperienza maturata dagli organizzatori di altri eventi (Antiquariato e Regalò ecc…) quest’anno, GOD ART, sara’ determinata a creare un evento che desterà grande successo anche per le future e già programmate edizioni. GOD ART è localizzata nel quartiere fieristico lungo la SS13 Pontebbana, ampio parcheggio e sara’ affiancata dalla fiera del libro nel padiglione B.
Per ulteriori info, potete richiedere il Bando di partecipazione a nabilafluxus@gmail.com. Affrettatevi, la Fiera Mercato, sara’ luogo per tante opportunita’ nell’ambito artistico sia per farsi conoscere che di condivisione.
Inoltre gli Artisti che si iscriveranno, faranno parte del nostro Catalogo realizzato in occasione dell’Evento.

Iscrizioni TASSATIVAMENTE entro e non oltre il 15 Settembre 2012, per agevolare l’iter organizzativo.
LO STAFF VI RINGRAZIA CON UN CALOROSO ABBRACCIO E VI ASPETTA ALLA FIERA!

Introduzione a cura di Virginia Milici
Catalogo Artisti per GOD ART NabilaFLuxus - Espone Zona A Stand 15

Alla luce dei progetti dell’Art Gallery NabilaFluxus vi è una ricerca verso l’innovazione ed è questo il motivo che ci porta alla neonata Fiera D’Arte GOD ART 2012 2°Edizione. Nel nostro periodo ogni dibattito è incentrato sull’incertezza del futuro nella dimensione socio-economica globale. Anche il 2012 si avvia alla sua conclusione portando con se incertezze e dubbi anche nel mercato dell’arte. Forse la crisi sta scoprendo un sistema culturale ormai superato, molte istituzioni si trovano a un bivio, chiudere i battenti o “Rinnovarsi”. Ed è proprio sulla parola “Innovazione” che punta lo staff NABILAFLUXUS. Siamo in crisi, c’è recessione anche nel mondo dell’arte e vi è un notevole stop del mercato. E’ ora pertanto di agire e di innovarsi. Siamo del parere che chi ha il coraggio di proporsi in un momento simile, quando si presenterà la ripresa si troverà non “Disarmato” ma pronto a ogni battaglia, creativo per ogni innovazione, perché egli non si è adagiato lasciandosi travolgere dai pareri negativi, ma ha continuato a lottare e proporsi. Pertanto la vera emergenza “Arte “ consiste nel riscattare un ruolo pubblico, cercando di avvicinare il pubblico con idee innovative e forse anche con umiltà. Con la crisi molte gallerie, grandi e piccole, sono uscite dalla scena, alcune chiudendo, altre rinnovandosi. Stessa fine avviene per i musei. Se è crisi, quindi, non si può più puntare a proporre artisti con cifre irrealistiche e insostenibili entrando in una logica penalizzante sia per l’artista, sia per il collezionista. Questo sistema alla fine si sarebbe ridimensionato comunque. Ora è il momento di guardare a un nuovo collezionismo “abbordabile”, insomma si deve avere il coraggio di proporsi con l’occhio al futuro, questo non vuol dire penalizzare la propria Arte ma innovarsi e restare nel mercato, cosa importante e fondamentale in questo momento. Occorre tenere duro e puntare sulla pazienza e sulla propria sensibilità e professionalità investendo su se stessi. Quindi la parola “crisi” non sia penalizzante, e già riconoscerla vuol dire prenderne coscienza e superare gli ostacoli sostanziali e formali e questo non potrebbe che giovare all’esposizione GOD-ART. Noi crediamo che ogni artista vada rispettato e riconosciuto non solo per ricerca o tecnica, ma anche e soprattutto per il suo pensiero, per la sua voce o per i suoi silenzi ed anche per il suo semplice gesto su una tela abbandonata. Perché un semplice gesto fa parte della sua poetica Artistica è la sua semplice emozione. Così come crediamo che il Critico D’arte non debba semplicemente descrivere un’opera ma vivere le emozioni del pittore stesso, per rivelarne la poetica al pubblico con la sua sottile scrittura. Per questo necessita un confronto diretto: Pittore-Critico.

Presidente e Curatrice
Virginia Milici

Built with Indexhibit